mercoledì 26 febbraio 2014

Chocolate Chip Cookies.. seconda versione

Ancora biscotti!
Fase croccante, in casa Home Made.
A volte, al risveglio vorremmo avere una torta soffice da mordere, altre volte qualcosa di croccante, che non perda la sua consistenza inzuppato nel latte, in ogni caso qualcosa di genuino fatto in casa magari!
Spesso abbiamo poco tempo a disposizione per "pasticciare" in cucina e ci affidiamo ai prodotti in vendita, ma se vogliamo qualcosa di buono e veloce da realizzare, niente di meglio dei Chocolate Chip Cookies, una ricetta già postata in passato, trovate quì la prima versione, quella di oggi è la seconda!
Sperimentare e trovare qualcosa di nuovo che affascini il palato, è il mio mantra, così capita di fare buone scoperte o di restare delusi e tenersi strette le vecchie ricette.
La ricetta di oggi è una bella scoperta, fatta grazie ad un libro comprato qualche settimana fa, "California Bakery - i dolci dell'America".
Un libro affascinante, non solo per le ricette e le fotografie che custodisce all'interno, ma per la storia che racconta.
Persone che fanno una scommessa, persone che ci mettono la faccia, il cuore e la volontà per creare un posto speciale nel cuore di Milano che regala ai visitatori dei dolci American style ed un ambiente accogliente.
Così mi sono cimentata nei biscotti, che non mancano mai nelle cucine americane, sono semplici da fare ed hanno un gusto meraviglioso, buoni in qualsiasi momento della giornata!
Ho apportato delle piccole modifiche alla ricetta presente nel libro, ho dimezzato le dosi e non avendo la melassa a disposizione, ho sostituito una parte dello zucchero semolato con lo zucchero muscovado (che ha il tipico sapore della melassa) inoltre ho messo i fiocchi di mais al posto dei fiocchi di avena.
Il risultato è ottimo, un biscotto croccante, friabile con pezzi di cioccolato fondente che si sciolgono sul palato, regalando un'esplosione di sapore, che vi avverto.. potrebbe creare assuefazione!


Chocolate Chip Cookies





Ingredienti
per 20 biscotti piccoli

100 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO BIANCO

40 GR DI ZUCCHERO MUSCOVADO
115 GR DI BURRO (per me Lurpak)
1 UOVO
1/3 dei SEMI DI UNA BACCA DI VANIGLIA
200 GR DI FARINA "00"
20 GR DI FIOCCHI DI MAIS (triturati)
1,25 GR DI BICARBONATO (1/4 di cucchiaino da thè)
1 GR DI SALE FINO (1 punta di cucchiaino da thè)
75 GR DI PEZZETTI DI CIOCCOLATO FONDENTE o GOCCE DI CIOCCOLATO 

Occorrente

PLACCA DA FORNO
CARTA DA FORNO
MIXER o FRULLATORE
FRUSTA MANUALE
CARTA PELLICOLA
RECIPIENTI
SETACCIO
PALETTA

Per cominciare pesate tutti gli ingredienti e tirate fuori il burro dal frigo (almeno 20 minuti prima di lavorarlo).

Con l'aiuto di un mixer, triturate per qualche secondo i ficchi di mais. 

In un recipiente versate gli ingredienti umidiil burro a dadini, lo zucchero semolato e muscovado, i semi della bacca di vaniglia, mescolate energicamente con un cucchiaio o una frusta a mano, fino ad ottenere un impasto omogeneo, poi aggiungete l'uovo e continuate a mescolate fino a completo assorbimento.

In un altro recipiente versate gli ingredienti secchi: la farina setacciata, il bicarbonato, il sale e i fiocchi di mais triturati, mescolate tutto con un cucchiaio.
A questo punto aggiungete gli ingredienti secchi agli ingredienti umidi, poco alla volta, sempre mescolando,versate le scaglie di cioccolato fondente ed amalgamate tutto, fino ad ottenere un composto omogeneo, coprite il recipiente con carta pellicola e mettetelo in frigorifero per 30 minuti.
Intanto accendete il forno a 170°gradi.
Rivestite la placca con carta da forno, prendete l'impasto e con le mani fate velocemente delle palline (circa 4 centimetri di diametro) posizionatele sulla placca e schiacciatele leggermente col palmo della mano.
Distanziate i biscotti almeno 5 - 6 centimetri uno dall'altro, perché in cottura si espandono, mettete a cuocere per circa 18 minuti a 170° gradi (non devono essere troppo scuri).
Sfornate, con l'aiuto di una paletta, adagiate i biscotti (ancora morbidi si induriranno una volta freddi) su di un un piano per farli raffreddare.
Aspettate, se riuscite, almeno 15 minuti prima di addentarne uno!

Consigli

Qualora cuociate i biscotti, a più riprese, riponete l'impasto crudo in frigorifero, tra una cottura e l'altra.


venerdì 21 febbraio 2014

Biscotti di pasta frolla con marmellata di arance

C'è frolla e frolla!
Sottotitolo: in pasticceria non si può improvvisare.
A meno che... non abbiate un po' di esperienza, non conosciate le caratteristica chimico-fisiche degli ingredienti e non possediate un certo talento per la pasticceria!
In cucina la creatività è importante, direi essenziale, ma lo è altrettanto la conoscenza, perché ci permette di giocare meglio con il nostro istinto... 
Conoscere e creare vanno a braccetto, soprattutto quando si tratta di dolci!
Una buona frolla deve essere friabile, croccante al punto giusto, non troppo grassa.
Bisogna avere in mente due o tre cose, prima di cimentarsi, soprattutto se volete fare delle variazioni alle ricette.
Saper per esempio che il glutine è presente nelle farine in quantità variabile, a seconda del tipo di farina e si origina in presenza di proteine (gliadina e glutenina) e acqua, rendendo gli impasti elastici, tutto quello da evitare per una buona frolla.
Quindi è bene ricordare che per una frolla fatta ad arte, la farina migliore da usare è quella debole, cioè quella con un basso contenuto di glutine.
In genere vengono utilizzate le farine W 150/180 (il simbolo W indica appunto la forza della farina) queste farine spesso sono le più raffinate, indicate con il simbolo "0" o "00" (il doppio zero indica appunto il maggior grado di raffinazione).
Il burro, altro elemento fondamentale, deve essere di ottima qualità, vi consiglio quello ottenuto da centrifugazione, essendo lavorato a basse temperature evita la formazione di carica microbica e quindi non necessità di ulteriori raffinazioni industriali, come invece accade per il burro ottenuto da affioramento.
Lo zucchero, altro elemento cardine, dona colore e croccantezza alla frolla, può essere di diversi tipi, ma ricordate che più aumentate la sua quantità nell'impasto, maggior compattezza otterrete dopo la cottura della frolla, perchè cuocendo caramellizza.
E' consigliabile lo zucchero semolato per la frolla classica (crostate, basi e gusci da riempire) e lo zucchero a velo nella frolla montata e nella piccola pasticceria.
Infine le uova, devono essere freschissime, il tuorlo è composto essenzialmente di grassi, mentre l'albume con il suo alto contenuto di acqua reagirà con il glutine presente ne aumenterà l'elasticità e la resistenza, donando più compattezza alla frolla, una volta cotta.
Potete utilizzare anche tuorli sodi invece che quelli crudi, questo renderà la frolla più fine e delicata.
Altre regole da non dimenticare: lavorare poco l'impasto per la frolla e farlo riposare in frigorifero, frollare appunto, come si usa fare per certi tipi di carne, da qui pare nasca il nome di questo impasto.. pasta frolla.
Nella frolla comune, impastata a mano o con il mixer, è necessario il riposo dell'impasto, cosa che non serve per la frolla montata che si lavora in planetaria montando lo zucchero con il burro, aggiungendo poi il resto degli ingredienti e si utilizza il sacâpoche per distribuirla negli stampi o in teglia.
Queste sono solo delle indicazioni generali, per darvi l'idea di quanti "dettagli" da considerare, per la riuscita di una buona frolla.
Ci sarebbe ancora molto altro da dire.. ma io non sono una chef pasticciera, sono solo una dilettante che prende nota: libri, riviste, web, per cercare di ottenere risultati migliori nelle sue sperimentazioni in cucina.
Per il week end vi consiglio questi biscotti di pasta frolla con marmellata di arance, ottimi in qualsiasi momento della giornata.
Un esperimento collaudato e ben riuscito, con variazioni alla frolla che utilizzo di solito.
I biscotti  sono friabili, si sciolgono in bocca grazie all'utilizzo di tuorli sodi,dello zucchero a velo e la marmellata di arance, naturalmente home made, regala una punta di acidità che si sposa perfettamente con la dolcezza della frolla.
Provateli e poi mi direte!


Biscotti di pasta frolla con marmellata di arance




Ingredienti
per 12 biscotti

150 GR DI FARINA "00"

75 GR DI BURRO DI OTTIMA QUALITA' (per me Lurpak) 
45 GR DI ZUCCHERO A VELO (più un po' per spolverare i biscotti)
3 TUORLI SODI
1/2 BACCA DI VANIGLIA BOURBON 
1 PRESA DI SALE FINO
3 - 4 CUCCHIAI DI MARMELLATA DI ARANCE

Occorrente

PLACCA DA FORNO o TEGLIA
RECIPIENTE
CARTA FORNO
CARTA PELLICOLA
PENTOLINO
SETACCIO
MATTERELLO
CUCCHIAINO 

Per cominciare mettete un pentolino con dell'acqua sul fuoco, non appena raggiunge il bollore, versate i tuorli d'uovo all'interno uno alla volta e fate cuocere 8 minuti, toglieteli dall'acqua con un cucchiaio e teneteli da parte.

Pesate tutti gli ingredienti che vi occorreranno per la frolla, tirate fuori il burro dal frigo 5 minuti prima di utilizzarlo (si lavora meglio intorno agli 11°-12° gradi).

In un recipiente setacciate la farina e lo zucchero a velo, aggiungete il pizzico di sale, i semi di mezza bacca di vaniglia (incidendola con un coltello nel senso della lunghezza) date una mescolata, poi il burro freddo a dadini e i tuorli d'uovo passati al setaccio (aiutatevi con un cucchiaio per questa operazione).

Iniziate ad impastare il composto con la punta delle dita, molto velocemente, una volta che inizia a compattarsi passatelo su un ripiano e con le mani fatene un panetto, rivestitelo con carta pellicola e riponetelo in frigorifero per almeno 40 minuti.
Accendete il forno a 180°gradi.


Trascorso il tempo necessario, dividete il panetto di frolla in 12 pezzi, con l'aiuto di un coltello, fate delle palline (lavoratele velocemente) e schiacciatele un po' con l'aiuto del matterello (il biscotto deve essere alto circa 1,5 centimetri) praticate un incavo al centro con l'aiuto di un polpastrello o con la parte tonda dell'impugnatura di un coltello.


Aggiungete un po' di marmellata di arance nell'incavo, aiutandovi con un cucchiaino (senza esagerare o fuoriuscirà in cottura).


Mettete i biscotti sulla placca rivestita di carta forno ed infornate a 180° gradi per 15 minuti circa, devono appena prendere colore.Sfornate i biscotti, toglieteli dalla placca calda o continueranno a cuocere, fateli raffreddare circa 10 minuti e spolverate con zucchero a velo.

Biscotti di pasta frolla con marmellata di arance



Consigli

Invece di fare delle palline con la frolla, potete stenderla con il matterello (altra circa 1,5 centimetri) una volta tolta dal frigorifero ed ottenere i biscotti coppandoli con l'aiuto di un bicchiere piccolo o un mini coppa pasta.
Potete aggiungere la marmellata ai biscotti anche dopo la cottura, praticate il buco, cuoceteli e poi versate la marmellata fresca dopo averli sfornati, in questo caso vi consiglio di spolverarli prima con lo zucchero a velo e poi aggiungere la marmellata, per avere un risultato estetico migliore.
Se non avete la bacca di vaniglia, potete sostituirla con la scorsa grattugiata di mezzo limone non trattato o mezza bustina di vanillina.


Nota
Fonti utilizzate per il post: "Peccati di gola" di Luca Montersino, Wikipedia.

giovedì 13 febbraio 2014

Strudel di mele, mirtilli rossi, pinoli, zest di arancia e.. crema inglese

Non so se conoscete l'Mtc, per coloro che leggono il mio blog per la prima volta quello che segue sembrerà una follia ed invece è un gioco!
Un gioco di quelli belli, di quelli pensati bene, di quelli che ti insegnano cose nuove e ti fanno conoscere gente.
L'Mtc è un po' una filosofia di pensiero, una sfida culinaria che avviene sul web a colpi di ricette, creatività e foto, ovviamente!
Non è una gara tra chef stellati o professionisti del mestiere, ma una "singolar tenzone" tra appassionati di cucina.
Cosa si vince?
Non c'è un premio reale, c'è la soddisfazione di aver convinto con la propria ricetta, aver imparato e soprattutto di avere la possibilità di scegliere il tema della prossima sfida.
Una volta che si entra nel gioco si partecipa tutti i mesi, se non puoi farlo.. sei fuori.
Non sempre possiamo far fronte a tutti gli impegni presi, per diversi motivi, più o meno seri e anche io ho dovuto abbandonare il gioco lo scorso anno, ma ora vorrei rientrare in gara con la ricetta di Mari che ha vinto la gara di gennaio ed ha proposto lo Strudel per la sfida di Febbraio.
Confesso, lo Strudel non è tra i miei dolci preferiti, nonostante io ami le mele e confesso anche di non averne mai fatto uno.
Quindi una vera sfida, mi sono messa a pensare e poi all'opera...
Fare e poi tirare la sfoglia con le indicazioni di Mari è stato semplice, per il ripieno entro in gioco io... 
Il mio è uno strudel di mele con mirtilli rossi, pinoli, zest di arancia, rum e zucchero muscovado, accompagnato da una crema inglese aromatizzata all'arancia.
Ero curiosa all'idea di questo esperimento e tanta era l'eccitazione che appena sfornato lo strudel l' ho subito tolto dalla teglia e metà è finito spappolato sul ripiano... volevo piangere!
Quante volte dico che in cucina ci sono tempi da rispettare?!!
Ne salvo la metà, aspetto che si raffreddi e ne taglio una fetta...
Profumato, aromatico e non troppo dolce... buono!
Poi mi accingo ad apparecchiare per le foto e la mia vecchia macchina fotografica smette di funzionare.
Ma allora non è giornata?!
Uso come ai vecchi tempi il mio smartphone e faccio qualche scatto... menomale!
Il resto dello strudel non è arrivato al giorno dopo, anche quello caduto rovinosamente sul ripiano, mangiato accompagnato dalla crema inglese in un pastrugno da veri intenditori di gola!



Strudel di mele, mirtilli rossi, pinoli, zest di arancia e.. crema inglese





Ingredienti

Per la sfoglia
150 GR DI FARINA "00" (più un po' per lavorare la sfoglia)
100 ML DI ACQUA
1 CUCCHIAIO DI OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA
1 PIZZICO DI SALE FINO

Per il ripieno
4 MELE FUJI
60 GR DI ZUCCHERO MUSCOVADO
4 CUCCHIAI DI RUM BARRICATO
100 GR DI MIRTILLI ROSSI ESSICCATI
40 GR DI PINOLI
50 GR DI PANGRATTATO
30 GR DI BURRO
ZEST DI 1/2 ARANCIA NON TRATTATA
30 GR DI BURRO FUSO (da spennellare sopra lo strudel)
2 CUCCHIAI DI ZUCCHERO A VELO (da spolverare dopo la cottura)

Per la crema inglese all'arancia
2 TUORLI D'UOVO
4 CUCCHIAI RASI DI ZUCCHERO SEMOLATO
1/2 CUCCHIAINO DI ESTRATTO DI VANIGLIA
BUCCIA GRATTUGIATA DI 1/2 ARANCIA NON TRATTATA
1 PIZZICO DI SALE

Occorrente
TEGLIA RETTANGOLARE
CANAVACCIO DI COTONE O LINO
CARTA FORNO
CARTA PELLICOLA
SETACCI
PENTOLINI
PADELLINO ANTIADERENTE
GRATTUGIA MULTIFORO
MATTARELLO
PENNELLO DA CUCINA
FRUSTA MANUALE

Per cominciare pesate tutti gli ingredienti per la sfoglia e setacciate la farina.
Fate scaldare l'acqua in un pentolino, non deve bollire.
Mettete i mirtilli in un bicchiere ricoperti di acqua.

In un recipiente versate la farina a fontana, il sale, il cucchiaio di olio ex. d'oliva e l'acqua poco alla volta, iniziate ad amalgamare con l'aiuto di una forchetta.
Una volta versata tutta l'acqua iniziate ad impastare con le mani e ponete l'impasto su un piano con un po' di farina, lavorate fino a renderlo la pasta liscia, fate un panetto ed avvolgetelo nella carta pellicola, lasciate riposare 30 minuti.
Intanto accendete il forno a 180°gradi.




























Prendete le mele precedentemente lavate e sbucciate, dividete ogni mela in 4 spicchi grandi e poi tagliate le fette dal lato corto.
Strizzate bene i mirtilli.
Mettetele le mele in un recipiente, aggiungete lo zucchero muscovado, i mirtilli rossi, il rum, i pinoli, la zest dell'arancia e mescolate bene con un cucchiaio.
In un pentolino a fuoco medio versate il burro e il pan grattato fate dorare poi trasferite in un bicchiere altrimenti rischierà di bruciarsi e tenete da parte.
Fate sciogliere il burro in un pentolino,servirà per spennellare lo strudel.
Prendete un canovaccio pulito, spolverate su un po' di farina e stendete la pasta per la sfoglia, molto sottile.



















Versate sulla sfoglia il pangrattato dorato (tenuto da parte) e poi le mele, cercando di non far cadere sulla sfoglia il succo della marinata.
Con l'aiuto del canovaccio arrotolate lo strudel, trasferitelo sulla teglia rivestita con carta forno e spennellate la superficie con il burro fuso.
Infornate a 180°gradi per 40 minuti circa, a forno statico.
Ora preparate la crema inglese, in un pentolino scaldate un po' il latte (non deve bollire).
Mettete i tuorli, lo zucchero, il pizzico di sale in un'altro pentolino e (fuori dal fuoco) sbattete velocemente le uova con l'aiuto di una frusta per almeno 4/5 minuti poi aggiungete l'essenza di vaniglia e la buccia grattugiata di mezza arancia.
A questo punto versate il latte sulle uova e continuate a mescolare portando il pentolino sul fuoco dolce, lasciate andare per almeno 10 minuti sempre mescolando, fino a che la crema non si rapprende.
Una volta pronta, passatela in un setaccino e lasciatela da parte.






























Trascorso il tempo di cottura per lo strudel, sfornate, attendete che si raffreddi prima di tagliarlo e servitelo accompagnato dalla crema inglese.


Strudel di mele, mirtilli rossi, pinoli, zest di arancia e.. crema inglese























Con questa partecipo all'Mtc di Febbraio




lunedì 10 febbraio 2014

Ciambellone con acqua vaniglia e cacao

Ci proviamo, ci mettiamo di impegno, cerchiamo il pensiero positivo ovunque 
ma nonostante l'impegno ogni tanto le cose vanno per conto loro
Noi siamo una parte del tutto ma non possiamo gestire il tutto, e allora?
Se la piega che la situazione prende vi piace, cavalcate l'onda con tutta la vostra energia ma se al contrario è una brutta piega quella che dovete risolvere, allora fate due passi indietro e guardate tutto con un pizzico di distacco, lo so che per noi donne è un'impresa doppiamente ardua ma possibile!
Non cercare di risolvere tutto subito ma concedetevi del tempo, qualche minuto, qualche ora o giorno se potete, poi guardatevi allo specchio possibilmente con un po' di trucco e fatevi un bel sorriso, solo dopo cercate di affrontare la situazione.
Sembra una vera ricetta quella che vi ho appena dato, tempi di preparazione, ingredienti, fosse così semplice da mettere in pratica?
Finisce tutto in cucina, sia le belle che le brutte pieghe, mi trovo a fare torte e dolci quando le cose non vanno ed ho bisogno di una pausa.
E mi trovo a cucinare manicaretti di ogni tipo quando sono felice per qualcosa, è un ottima valvola di sfogo e poi fai felice chi gode della nostra cucina, vuoi mettere la soddisfazione... alla fine qualcuno gioisce comunque!
Per iniziare questa settimana di pioggia che ha dentro un forte odore di primavera, un bel ciambellone di Adelaide Mells,  doppio gusto, molto famoso in rete e di cui trovate quì la ricetta originale, alla quale ho fatto qualche modifica.
Un ciambellone semplice, tra i cui ingredienti troviamo anche l'acqua che rende questa preparazione morbidissima per diversi giorni.
Una dolce adatto alla colazione, alla merenda, soffice e delicato che ci regalerà un momento tutto per noi.

Ciambellone con acqua vaniglia e cacao



Ingredienti
per 10 - 12 persone

250 GR DI ZUCCHERO
250 GR DI FARINA "00"
3 UOVA
130 GR DI BURRO MORBIDO DI OTTIMA QUALITÀ (Lurpak per me)
130 GR DI ACQUA 
1 BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI
2 CUCCHIAI DI ESTRATTO DI VANIGLIA
2 CUCCHIAI DI CACAO AMARO
1 PIZZICO DI SALE FINO
2 CUCCHIAI DI ZUCCHERO A VELO
1 NOCE DI BURRO per la teglia

Occorrente
STAMPO circa 24 cm
SETACCIO
RECIPIENTE
PENTOLINO
SBATTITORE
FRUSTA MANUALE

Per cominciare pesate tutti gli ingredienti, in un recipiente setacciate: la farina, il lievito e unite un pizzico di sale fino, mescolate con un cucchiaio.
Mettere il burro il un pentolino a fuoco bassissimo, fatelo ammorbidire qualche minuto e spegnete il fuoco.
Imburrate bene lo stampo per il ciambellone.
Accendete il forno a 180°gradi.

In un'altro recipiente montate le uova con lo zucchero per 10 minuti, poi aggiungete il burro, l'estratto di vaniglia e sbattete ancora qualche minuto per amalgamare tutto ed aggiungete l'acqua sempre mescolando.
Poi versate la miscela di farina, lievito e sale poco alla volta e continuate a mescolare con la frusta manuale fino a completo assorbimento di tutti gli ingredienti.
A questo punto mettete parte del composto, un po' meno della metà in un'altro recipiente e aggiungeteci il cacao amaro setacciato ed amalgamate bene con la frusta.
A questo punto versate un po' di impasto bianco nello stampo, poi tutto l'impasto con il cacao e finite con il resto dell'impasto bianco.
Battete la teglia su un piano per livellare l'impasto all'interno ed eliminare eventuali bolle d'aria, infornate a 180°per 40 minuti.
Fate la prova stecchino, se risulta asciutto sfornate il ciambellone ed aspettate almeno 1 ora prima di sformare il dolce su un piatto da portata.
Spolverate con lo zucchero a velo, preparate un buon thè e godetevi questa pausa.

Ciambellone con acqua vaniglia e cacao



























Consigli
Se volete usare l'olio al posto del burro, come nella ricetta originale, deve essere un olio di semi o un olio extravergine d'oliva molto delicato o ne andrà della buona riuscita del ciambellone.
Se non avete l'estratto di vaniglia, potete usare una bustina di vanillina.



lunedì 3 febbraio 2014

Spezzatino con piselli e spezie

Ognuno di noi ha dei sogni, fa dei sogni, credo sia così importante averne qualcuno.
Sogni esagerati, apparentemente o effettivamente irrealizzabili, oppure piccoli sogni che custodiamo con cura da una vita.
Sognare fa bene, serve alla nostra anima, non fa bene vivere dentro i propri sogni ma cercare di realizzarli sì
Mentre riflettevo su tutto questo mi sono resa conto di come con l'età che avanza la capacità di sognare delle persone si riduca drasticamente e  pensavo che ammettere di avere un sogno da un certo punto della nostra vita in poi si trasforma quasi in un difetto, come fosse qualcosa di cui vergognarsi, perché siamo grandi ormai, dobbiamo combattere con la realtà che di sogno ha ben poco e così ci dimentichiamo di tante cose e forse anche un po' di noi.
Responsabilità e doveri ci sono, ma c'è anche altro.
Ho capito che dobbiamo scegliere con cura le persone con cui condividere i nostri sogni, questo ci aiuterà a non ucciderli e magari a realizzarne qualcuno!
Quante riflessioni si possono fare quando nella tua cucina decidi di preparare qualcosa che necessità di lunghe cotture, come lo spezzatino di carne e piselli speziato che vi propongo oggi.
Non è un piatto complicato, ma ha bisogno di tempo, potete prepararlo la sera prima e poi scaldarlo comodamente il giorno dopo.
La carne è morbidissima grazie alla lenta cottura, i piselli saranno un contorno splendido e le spezie armonizzeranno il tutto regalandovi un confort food perfetto per queste giornate di pioggia!


Spezzatino con piselli e spezie





Ingredienti
per 3 - 4 persone

500 GR DI SPEZZATINO DI CARNE DI MANZO

250 GR DI PISELLI SURGELATI 
1/2 CIPOLLA ROSSA
1 COSTA DI SEDANO
1 CAROTA GRANDE 
1/2 CUCCHIAINO DI ZENZERO IN POLVERE
1/2 CUCCHIAINO DI PAPRIKA DOLCE IN POLVERE
1/2 PEPERONCINO PICCOLO ESSICCATO 
1/2 BICCHIERE DI VINO BIANCO SECCO
1 L DI ACQUA
5 CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA
7 GR DI SALE GROSSO (circa 1 cucchiaino da thé)

Occorrente

PENTOLA ALTA
COPERCHIO
CUCCHIAIO DI LEGNO

Per cominciare pulite e sminuzzate con il coltello: la mezza cipolla, la carota e il sedano per il soffritto.


In una pentola versate l'olio extravergine d'oliva,il peperoncino, la cipolla, la carota e il sedano, fate andare a fuoco medio per 3 minuti poi aggiungete lo zenzero, la paprika dolce mescolate con un cucchiaio di legno e aggiungete la carne. 

Fate rosolare lo spezzatino per almeno 5 - 10 minuti finché la carne non si sigilla per bene, poi versate il vino e fate evaporare per qualche minuto. 
A questo punto versate l'acqua e coprite con un coperchio fino a che raggiunge l'ebollizione, poi aggiungete il sale grosso mescolate, abbassate il fuoco al minimo e coprite parzialmente con il coperchio, fate cuocere per 1 ora e mezza mescolando di tanto in tanto.
A questo punto togliete il coperchio alzate la fiamma aggiungete i piselli, fate riprendere bene il bollore, poi abbassate un po' il fuoco e continuate a cuocere per almeno 30 minuti senza il coperchio.
Spegnete e servite lo spezzatino caldo, potete accompagnarlo con dei crostini di pane o del riso basmati, ma anche da solo è una vera prelibatezza.



Consigli

In primavera potete ovviamente utilizzare i piselli freschi, in questo caso potete ridurre un po' i tempi di cottura dei piselli ed anche il quantitativo di acqua a circa 700 ml.
Se volete un sugo più denso, non dovete farlo restringere troppo ma basterà passare la carne nella farina prima di metterla a cuocere, l'amido rilasciato in cottura renderà il sugo dello spezzatino più denso.